IL TERRITORIO

L’Irpinia, zona centro-orientale della dorsale appenninica, che si estende tra il fiume Sabato, il Calore e l’Ofanto, ha una posizione geografica strategica, essendo territorio di cerniera tra l’Adriatico e il Tirreno. E’ terra d’acque sorgive purissime, di verde crudo, paesaggi mozzafiato; terra incontaminata, dove la natura mostra tutta la sua inviolata bellezza nei profumi e nei colori, dove il tempo sembra quasi essersi fermato e di fronte alla quale la mente si bea, lo spirito si rasserena. La vita in Irpinia è calma, semplice, quasi patriarcale. In Irpinia tutto appare temperato e composto. Questo aspetto lo si coglie già dal paesaggio, che presenta montagne bellissime, alture e intrighi di valli, ove l’occhio può cogliere ed ammirare borghi ora adagiati, ora arroccati, il profilo di castelli, palazzi imponenti, chiese, abbazie e conventi, custodi di inestimabili opere d’arte, testimonianze di grande valore dei vari popoli che si sono succeduti nel tempo: Longobardi, Bizantini, Normanni, Svevi e Angioini. Boschi di querce, ontani, faggi e castagni, prati variopinti, estesi coltivi: uliveti dal pallore argenteo, ordinati vigneti. Le vigne, che trovano testimonianza già nei testi di Plinio, Columella e Strabone, coesistono da sempre con gli alberi da frutta, che regalano grandi emozioni nel bicchiere.

I nostri 20 ettari di vigneto sono nelle contrade più vocate dell’Irpinia (Candida, Fontanarosa, Montefalcione, Paternopoli), e si trovano tra i 500-600 m s.l.m. La vendemmia, esclusivamente manuale, ci consente di raccogliere le uve rispettando i tempi di maturazione delle microzone che, nonostante la vicinanza, sono diverse tra loro per le caratteristiche pedoclimatiche. I quasi 40 ettari di uliveto sono sparsi un po’ su tutta la provincia di Avellino (Ariano Irpino, Casalbore, Chiusano di San Domenico, Mirabella Eclano, Paternopoli). La qualità del terreno, il clima ideale, l’altimetria (dai 500 ai quasi 800 m s.l.m.), l’esposizione del territorio permettono la produzione di pregiate varietà di olive, prima fra tutte la cultivar Ravece, che dà origine ad un extravergine d’eccellenza, dal colore dell’oro e dal sapore dolce pieno e rotondo. Vera delizia per il palato!