L’EXTRAVERGINE ”NORMANNO”, OMAGGIO AD ARIANO IRPINO

inglese Ariano Irpino, città dei Normanni. La conquista normanna della città avviene sotto il dominio di Gerardo (la cui sorella Alberada aveva sposato Roberto il Guiscardo), a cui succedette il figlio Eriberto e il nipote Giordano. Il castello, eretto su di una precedente costruzione longobarda, rappresenta una delle più antiche roccaforti della potenza militare dei Normanni nell’Italia meridionale. Proprio nel castello della città appena ristrutturato, nel 1140, Ruggero II d‘Altavilla detto ”Il Normanno” tenne il suo primo Parlamento in qualità di “Re delle Due Sicile”. Qui emanò le Assise di Ariano, la nuova Costituzione del Regno di Sicilia. Si ha testimonianza che già nel periodo normanno i feudi di Ariano erano coltivati a vigne e olive. Nella primavera del 1139, Ruggero d’Altavilla assediò Ariano, uno dei centri dell’insurrezione antimonarchica, che tentò invano di espugnare. In “Ragguagli della città di Avellino” il Bellabona scrive: “Tutto il suo esercito à questa Città d’ogni intorno accerchiandola, e diverse macchine di legni adoperando, nulla effettuando, havendovi li Cittadini introdotti duecento soldati e quasi ventimila pedoni, Rogiero, pieno di sdegno, fatto rimuovere l’assedio, fè tagliare tutte le loro vigne, olive e altre piante fruttifere e seccar l’immaturi seminati essendo nel mese di Magio.”

Related post